Contenuti

Il corso fornisce le basi per la comprensione della diversità culturale, della natura socioculturale delle appartenenze e allo stesso tempo delle dinamiche culturali della loro naturalizzazione ed essenzializzazione.

L’obiettivo è quello di agli studenti la capacità di imparare a mettere in prospettiva il proprio sapere, fare esercizio di spirito critico, imparare a leggere la varietà e complessità delle risposte degli esseri umani in un mondo articolato e complesso, rispettare la diversità (dagli orientamenti sessuali e di genere alle appartenenze religiose) affinché imparino a misurarsi con la differenza culturale e a valorizzare la diversità delle forme di vita e delle visioni del mondo.

Il corso fornirà una conoscenza di base rispetto ai principali concetti e strumenti analitici delle discipline antropologiche. La nozione di cultura in senso antropologico, negli aspetti dinamici e processuali. La diversità culturale nelle pratiche sociali, rituali e simboliche, negli immaginari e nei diversi modi, culturalmente determinati, di pensare, conoscere e categorizzare la realtà. La rilevanza della componente culturale nella definizione dell’essere umano in un’ottica di superamento di categorie troppo rigide, naturalizzanti e talvolta scientificamente desuete (quali razza, etnia, nazione, classe, casta, sesso/genere) benché persistenti sulla scena politica e nei contesti sociali. Diversità, disuguaglianze e gerarchie fra culture, gruppi e classi sociali nella storia della disciplina e nel senso comune: evoluzionismo sociale, relativismo culturale, etnocentrismo, forme del potere, relazioni di egemonia e subalternità. Diversità, disuguaglianze e gerarchie nelle relazioni sociali, di parentela, di genere e nei rapporti fra generazioni. Le dinamiche sociali connesse ai processi di globalizzazione, alla mobilità e ai contesti migratori che determinano interazioni fra individui portatori di elementi culturali specifici. In tal senso sarà possibile affrontare la multiculturalità dei contesti di interazione sociale, incluse le istituzioni scolastiche, per consentire agli attori coinvolti di misurarsi con le differenze culturali e i processi di cambiamento, valorizzando specificità culturali e processi creativi di scambio e mutuo arricchimento, lavorando alla decostruzione di stereotipi, stigmi ed evitare sterili riduzionismi.

Al termine del corso lo studente: conosce i problemi teorico-metodologici relativi alla lettura dei processi identitari propri alle società contemporanee; conosce le categorie usate dell’antropologia con particolare riguardo ai fenomeni dell’esclusione e della disuguaglianza, del sessismo, del razzismo e della differenza culturale; è capace di utilizzare gli strumenti dell’antropologia per interpretare i processi sociali ed educativi; è capace di orientarsi nel sapere antropologico in modo da ampliare autonomamente i propri strumenti analitici.

 

Obiettivi

Conoscenza e comprensione
Conoscere e utilizzare in modo coerente ed efficace i concetti e gli strumenti dell’antropologia culturale.
Acquisizione del linguaggio scientifico appropriato per la descrizione e l’analisi dei fenomeni socio-culturali con particolare attenzione ai contesti educativi.

Capacità di applicare conoscenza e comprensione
Applicare i metodi e i concetti antropologici all’analisi della cultura e della società.

Capacità trasversali/soft skills
Capacità di pensiero critico e indipendente.
Capacità di lettura di bibliografia scientifica antropologica.

Autonomia di giudizio
Sviluppare una capacità di giudizio critico e indipendente in relazione alle dinamiche socio-culturali.

Abilità comunicative
Abilità di riconoscere gli elementi fondamentali della scrittura scientifica antropologica.
Abilità di partecipare in discussioni basate su un’argomentazione scientifica esprimendo una opinione informata utilizzando i concetti e il linguaggio adeguati.
Abilità di comunicare con sensibilità e un punto di vista antropologico.

Capacità di apprendimento
Abilità di estendere autonomamente le proprie conoscenze acquisite durante il corso.
Abilità di analizzare criticamente contesti socio-culturali.

 

Esame

La valutazione consisterà in un esame orale sui temi del corso e sulla bibliografia.
Sarà possibile sostenere un test scritto (test a scelta multipla e domande aperte) sul solo manuale che esonererà lo studente dalle domande sui temi manualistici in sede di orale. È anche possibile concordare con il docente la valutazione di un elaborato scritto (minimo 5, massimo 10 pagine).

 

Bibliografia

  1. Robbins, Richard H., Antropologia culturale. Un approccio per problemi. Seconda edizione, UTET, Novara, 2015 (escluso cap. 9).
  2. Ghiaroni, Simone, Il disegno selvaggio. Un’antropologia del grafismo infantile, Meltemi, Roma, in corso di pubblicazione (se non disponibile, il docente ne fornirà una copia elettronica).
    (Durante il corso verranno proposti altri testi che è possibile, previo accordo con il docente, sostituire al punto 2 della bibliografia).

 

ultimo aggiornamento:
dicembre 2018

Docenti

ghiaroni

Ghiaroni Simone

Dottore di Ricerca in Antropologia, Docente di discipline etno-antropologiche a Bolzano, Modena e Milano